H2Ops!

H2Ops!

Categorie: 2023/24 - TEATRO SCUOLA
  • Data: martedì 19 e mercoledì 20 marzo, ore 10.00
  • Orario inizio:
  • Ingresso:
  • Durata:

H2Ops!

Uno spettacolo illustrato

 

 

drammaturgia Giada Borgatti

con Giada Borgatti, Silvia Cristofori, Marzia Meddi

scene Eva Miškovičová e Alessandra Stefanini

light design Marco D’Amelio

musiche originali e sound design Michele Boreggi

regia Virginia Franchi

produzione Consorzio Balsamico e LISA, con il sostegno di Ass. Cult. TEATROinSTALLA, in collaborazione con Centro Teatrale MaMiMò

  • età: scuola dell’infanzia e scuola primaria
  • durata: 1h

 

H2Ops! – Uno spettacolo illustrato racconta la storia dell’acqua partendo dalle sue origini: in principio non c’è che un unico punto blu, che muovendosi e cercando spazio si farà fiume, mare, oceano. Grazie alla sua natura mutevole, al suo continuo e progressivo cambio di forma e stato, nasceranno le montagne, poi le piante, gli animali e infine l’uomo, portandoci in un viaggio dal grande verso il piccolo, il dentro di noi, fin nella pancia della mamma, per poi compiere un ultimo balzo nell’incredibilmente grande, che è il cosmo con le sue comete.

Utilizzando il linguaggio dell’animazione di luce e materie, unito alla specificità della tecnica della cianotipia, la messinscena vuole raccontare la natura dell’acqua, come una sorta di favola scientifica, che si fonde con la poesia del crescere e dello scoprirsi, per fare esperienza di come quello che ci circonda possa rispecchiarci pienamente in ogni passo che facciamo. La cianotipia infatti, per sua natura fuggevole, veicola perfettamente il concetto di scorrevolezza: questo antico metodo di stampa a contatto permette di realizzare immagini, dal tipico colore blu ciano, mediante l’uso di una specifica emulsione che reagisce di fronte alla luce ultravioletta.

Questa tecnica è, per sua natura specifica, fuggevole. L’immagine che si crea infatti non si cristallizza ma, al contrario si lascia andare e, addirittura, se l’inclinazione della luce che la colpisce cambia, l’immagine stessa si modifica.

Il linguaggio visuale si fonde con la drammaturgia originale: rime, cantilene e suoni dell’acqua si intrecciano alla parola intessendo, come trama ed ordito, un tappeto sonoro che riporta ai ritmi dello scorrere, dello stare in movimento, così familiari all’infanzia

 

“Fatti acqua e cambia!”

 

 

INFO E PRENOTAZIONI: Biglietteria Teatro De André

  • Attori
  • Autore
  • Regia
  • Produzione
  • Organizzazione
  • Musiche
  • Scene e Costumi
  • Luci
  • Altre info