CHET BAKER, JACK KEROUAK E LA BEAT GENERATION

CHET BAKER, JACK KEROUAK E LA BEAT GENERATION

Categorie: 2022 - Prossimi spettacoli - Spettacoli fuori abbonamento
  • Data: domenica 6 novembre
  • Orario inizio: 17
  • Ingresso: Unico a 10€
  • Durata:

Concerto-Reading

 

Monica Perboni: voce

Marco Paterlini : letture

Giorgia Hannoush: chitarra

Simone Copellini: tromba e flicorno

 

“Singin’ Chet Baker” e’ nato da un’idea della cantante Monica Perboni, come ringraziamento ad un grandissimo artista, amato prima come trombettista, soprattutto nelle sue sessioni con il sassofonista Gerry Mulligan, e successivamente come cantante, conosciuto in questa veste solo dopo la visione del film a lui dedicato, “Let’s get lost”, nel 1988.

Del repertorio di Chet Baker cantante la scelta si indirizza a canzoni molto particolari, non potevano mancare “Let’s get lost”, manifesto di una generazione anticonvenzionale,

“My funny Valentine”, di cui Baker ha regalato una interpretazione intensa e straordinaria, “It could happen to you”, con un solo in scat che ha fatto la storia del jazz.

Poi, la situazione che e’ nata come tributo, si e’ trasformata, come sempre succede nel jazz. La personalità artistica prende il sopravvento e le canzoni si creano proprio mentre vengono eseguite, e a volte diventano solo un punto di riferimento per volare oltre.

Non mancano i brani originali e gli arrangiamenti magistrali, nel repertorio di Singin’Chet Baker.

La cantante ha scritto alcuni brani, un tributo “Sing it Chet”, e un’evocazione “Chet, tanto tempo fa” con il supporto di Simone Copellini e Giorgia Hannoush. Il maestro Copellini ha scritto e adattato al trio un bellissimo arrangiamento di Massey Ferguson di “Just Friends”.

Di concerto in concerto capita di imbattersi in artisti dalla spiccata sensibilità musicale, che sanno creare un incontro tra parole e musica. E a noi è accaduto di conoscere l’attore Marco Paterlini, che abbiamo accolto in questo affascinante viaggio. Queste le sue parole:

“Quando leggo ascolto musica, e Chet Baker è fondamentale nelle mie Playlist.

A volte per caso, per la sensazione del momento, per un incredibile incontro tra musica e parole, si creano frammenti perfetti, emozioni complementari che prendono reciproca bellezza e ti restano attaccati dentro.

Quando abbiamo parlato di questo progetto con Monica mi è subito venuto in mente di raccogliere questi momenti, come ritagli che messi insieme formano un racconto unicamente emotivo, fatto di parole, che richiamano musiche, che richiamano emozioni, che richiamano Chet Baker

Il reading contiene pezzi riarrangiati di Kerouac, Pasolini, Sartre, Tondelli, Rimbaud ed altri (me compreso)”.

 

PRESENTAZIONE ARTISTI

Monica Perboni:

Promotrice del progetto, autrice e compositrice di brani originali, anche grazie al supporto di validi collaboratori, studia canto presso l’Accademia di Musica Moderna di Modena. Nel 2002 viene premiata come miglior voce dalla grande jazzista romana Ada Montellanico. Non vanta titoli accademici, ma una grande passione per la musica jazz, che da molti anni si traduce in vari progetti musicali, che spaziano dal blues al bebop, alla bossanova.

Giorgia Hannoush: a 12 anni inizia a suonare la chitarra ed entra a far parte della Nuova Orchestra Elettroacustica. Nel 2006 a Dublino vince una borsa di studio promossa dal Berklee College of Music di Boston. Nel 2012 si laurea in “jazz e discipline musicali” presso il conservatorio di Rovigo. Nel 2016 esce la sua opera originale “Astoria Dreams”.

Simone Copellini: Musicista, trombettista, insegnante all’Istituto Musicale Pareggiato Achille Peri di Reggio Emilia, editore (è titolare di SopraToni Edizioni), è turnista nel musica leggera e nel jazz. Laureato in Discipline Musicali consegue il Diploma Accademico di II Livello, Alta Formazione Artistica, con Lode e Menzione d’Onore. Numerose le pubblicazioni e i progetti originali a cui ha partecipato e di cui è promotore.

Marco Paterlini: ha studiato recitazione e tecnica attoriale presso ARSventuno – Correggio, specializzandosi in reading e lettura espressiva, e ha lavorato con diversi attori e registi.
Contaminatore appassionato di musica e parole ha partecipato a diversi progetti musicali e teatrali, tra i principali “Se una notte di inverno un viaggiatore” – letture da Italo Calvino con Lino Guanciale.

  • Attori
  • Autore
  • Regia
  • Produzione
  • Organizzazione
  • Musiche
  • Scene e Costumi
  • Luci
  • Altre info